In Evidenza

Spezia-Lazio (1-2): Milinkovic show, Immobile implacabile

di Alessandro DE CAROLIS

La Lazio torna a vincere sullo Spezia, esattamente 80 anni dopo l’ultima sfida ufficiale. Era un impegno di Coppa Italia, sul campo dello Spezia, con i biancazzurri vittoriosi per 2-5. Oggi il risultato era stato di 1-2, con una Lazio spietata e quanto mai cinica. Milinkovic gol e assist, Immobile ha segnato alla trentesima squadra diversa in Serie A.

PRIMO TEMPO: parte bene la squadra di casa con tanta corsa e tanto movimento. Alla squadra di mister Italiano manca solo una cosa: un centravanti che concretizzi le occasioni. Cosa che non manca alla Lazio, e infatti Immobile al 15′ alla prima palla-gol sigla la rete del vantaggio. Imbucata perfetta e tiro a beffare il portiere in uscita disperata. Stupendo l’assist di Milinkovic che, dopo aver rubato palla a Maggiore, lancia in profondità il compagno con un passaggio filtrante. Il numero 21 biancazzurro è in giornata, e al 33′ si conferma uno specialista dei calci piazzati. Una punizione fotocopia di quella contro il Torino, anche Provedel come Sirigu viene beffato sul suo palo. Un doppio vantaggio che mozza le gambe e il morale a un ottimo Spezia. I padroni di casa sono molto sfortunati, per ben due volte il palo ha negato la gioia del gol. Attualmente è la squadra che ha colpito più pali in Serie A (8).

SECONDO TEMPO: nella ripresa la Lazio amministra meglio la partita, sfruttando il calo fisico degli avversari. Al 62′ gli ospiti si divorano un contropiede e il gol del 0-3. Errore pesante visto che al 64′ N’Zola accorcia le distanze con un bel tiro a giro. Conclusione pregevole, ma propiziata da un’ingenuità di Acerbi in marcatura. Senza Immobile e Luis Alberto, usciti dal campo poco prima, per la Lazio si fa dura ripartire e fare male. I cambi conservativi di Inzaghi sono la prova che la testa sia per la sfida di Champions. Ma anche con le seconde linee i biancazzurri hanno saputo creare palle-gol. Il VAR annulla ben due reti (a Caicedo e a Pereira) per questione di millimetri. Finale in sofferenza ma alla fine la Lazio porta a casa tre punti d’oro, una vittoria per ridare linfa alla classifica biancazzurra.

 

 

Alessandro De Carolis

Nato a Frascati (RM) il 19/07/89. Laureato nella magistrale di Scienze dell'Informazione, della Comunicazione e dell'editoria presso l'università di Roma Tor Vergata. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Lazio (elenco pubblicisti) dal 2015. Esperienze lavorative presso le redazioni di: Italia Sera, Nuovo Corriere Laziale, Lazio Story.

Articoli Correlati

Back to top button