IntervisteNews

Pari sofferto con Midtjylland ma la Dea può sorridere

Decisiva la gara all'Amsterdam Arena

C’era solo un obiettivo da raggiungere e, anche se con fatica, l’Atalanta pareggia con i danesi del Midtjylland al Gewiss Stadium e, in virtù del risultato di Anfield Road tra Liverpool e Ajax (1-0 gol di Jones) andrà a giocarsi il passaggio del turno all’Amsterdam Arena con due risultati disponibili su tre.

I danesi partono con grande pressing e al 4′ del primo tempo Anderson impegna Sportiello con un tiro da fuori. Risponde Hateboer all’8′, tiro respinto dal portiere ospite Hansen. Un minuto più tardi Zapata calcia alto da posizione ravvicinata.

Gli ospiti passano a condurre con una botta da fuori area di Scholz, che al 14′ non lascia scampo a Sportiello. Al 16′ su cross di Freuler c’è il colpo di testa di Romero che impegna Hansen. Al 31′ è nuovamente pericolosa la squadra danese con una punizione di Mabil, Sportiello risponde presente. Un minuto dopo Pessina in diagonale sfiora il pareggio, palla sul fondo. Al 38′ è ancora Mabil a provarci dalla distanza, ma la sua botta termina di poco fuori. Due minuti più tardi un tiro di Muriel viene neutralizzato da Hansen, stessa sorte per un’iniziativa di Zapata al 42′.

Ad inizio ripresa Gasperini inserisce Ilicic per il Papu Gomez, ma le azioni latitano. Al 27′ un tiro di piatto di Gosens termina alto. Al 31′ il giovane neo entrato Diallo fallisce a tu per tu con Hansen, poi Zapata calcia alto. Il pareggio orobico arriva al 34′ con Romero, che su cross di Hateboer insacca alle spalle del portiere. Lo stesso Romero nel finale sfiora il colpaccio, ma senza successo, finisce 1-1.

È dunque un punto importante per Pessina e compagni, che ora si ributteranno sul campionato per preparare la gara di domenica pomeriggio (ore 15.00) alla Dacia Arena di Udine, appuntamento che precederà la sfida decisiva contro l’Ajax: c’è una qualificazione da raggiungere, con la consapevolezza che, se le cose dovessero andar male, il cammino europeo proseguirà comunque in Europa League.

Mario Martinelli

Nasco nel 1988 in provincia di Bergamo e in una famiglia calciofila, iniziando a nutrirmi di pane e calcio e guardando le partite in tv. Ad inizio anni 2000 vengo travolto dalla passione per il giornalismo, gioco al pallone nelle giovanili dell'Issese, una squadra della mia zona (punta, boss del turnover, centro panchinaro ufficiale) e ne divento il 'giornalista'. Finisco presto in cantiere perché 'chi ha voglia di studiare?' A 16 anni, tra mattoni e impianti elettrici continuo a coltivare la passione dello scrivere, che diventa realtà quando nel 2006 inizio a collaborare per il Giornale di Bergamo. Il calcio Dilettantistico è il mio grande amore: le collaborazioni aumentano, prima il Bergamo & Sport, poi l'eco di Bergamo (per il quale tuttora scrivo). Successivamente commento per un anno il calcio femminile in tv per Videostar (le gare del Mozzanica), con la quale nel frattempo collaboro saltuariamente nella trasmissione 'Parliamo D calcio', sempre in ambito Dilettantistico. Per un breve periodo scrivo pure per 'SpazioJuve', poi il salto in pianta stabile nella squadra di Seilatv (emittente televisiva bergamasca) e nel programma Seiladea, in onda durante tutte le gare dell'Atalanta e condotto dal veterano Patrizio Romano: così dal 2016 al 2018. Mi tolgo poi nel 2019 il grande sfizio di partecipare anche alla trasmissione 'Coppe pazze' su top calcio 24 con Andy Nine e inizio a collaborare pure con Radio Bianconera e la fantastica Controcalcio Radio Web del direttore Maurizio Canino. Attualmente continuo a trattare pure il calcio Dilettantistico con la rubrica 'il doppio misto del Tinez' sul mio profilo Instagram @iltinez88. Ora eccomi in questa nuova squadra, per dare il mio contributo, sperando di portare la mia passione e professionalità. Ad maiora!

Articoli Correlati

Back to top button