In EvidenzaIntervisteNews

Crudeli: “Questo Milan non è solo Ibra. Hellas a immagine e somiglianza di Juric. L’Inter sbanda troppo in difesa. Fiorentina? Serve un tecnico alla De Zerbi”

Intervista al collega di 7 Gold

Tiziano Crudeli, giornalista e storico opinionista di 7 Gold, è intervenuto a Contro Calcio social tv parlando del Milan e non solo.

Un Milan che fa sognare. “Non mi aspettavo questo Milan anche perché ci sono 19 giocatori su 25 con un’età compresa tra i 18 e i 27 anni. È una squadra molto giovane con un capo carismatico, Ibra, e un ottimo allenatore alla guida. Ha la seconda difesa in campionato, la prima è proprio quella dell’Hellas Verona che affronterà oggi. Ha un attacco che ha segnato con 11 marcatori diversi. Non segna solo Ibra, segnano anche i giovani con lui”.

I giovani rossoneri stanno rendendo molto. “Hanno saputo sceglierli bene e motivarli: da questo deriva un rendimento ottimale. Sono giocatori che stanno dimostrando di poter dare un contributo reale al Milan. Gli alti e bassi sono sempre dietro l’angolo con una squadra di giovani. Aspetto con molta curiosità la gara con l’Hellas per avere conferma che l’ultima sconfitta con il Lilla è stata solo un incidente di percorso”.

La favola Hellas. “Juric è un ottimo allenatore che sta tirando fuori il massimo da un organico che pure ha perso alcuni elementi di livello altissimo. Ha segnato 8 reti e ne ha subite solo 3. Il Verona è a immagine e somiglianza di Juric”.

Daniele Amerini: “Hellas, tifo meraviglioso”

Pirlo in panchina. “Avevo delle riserve su di lui per una questione puramente caratteriale: mi sembrava troppo poco comunicativo. Adesso la Juventus si sta riprendendo anche grazie a un Morata in forma smagliante. Nonostante i problemi in difesa la Juventus rimane la più accreditata per la vittoria”.

L’Inter non sta vivendo uno dei momenti migliori. “L’Inter senza Lukaku, che adesso è infortunato, perde almeno il 50% del suo potenziale in attacco. A questo si unisce una carenza difensiva: 15 gol al passivo tra campionato e Champions. Le lacune in difesa sono fin troppo evidenti: vedo sbandamenti preoccupanti”.

Atalanta, Lazio, Roma, Napoli: chi vede meglio? “Ho una predilezione per l’Atalanta sebbene sono sorpreso per lo 0-5 subito dal Liverpool. Sta attraversando un calo di rendimento ma rimane una squadra interessante. La Lazio ha giocatori straordinari a centrocampo e un Immobile davanti. Lazio-Juventus (QUI la conferenza stampa di Inzaghi) è da seguire con assoluto interesse. La Roma sta crescendo, soprattutto in fase offensiva. Gattuso sta facendo molto bene al Napoli e ha meriti evidenti nella crescita di questo gruppo. Osimhen può essere una sorta di Lukaku 2, Bakayoko lavora bene a centrocampo sotto il piano atletico”.

La Fiorentina di Commisso. “Adesso la Fiorentina ha una società solida alle spalle ma deve trovare gli uomini giusti. De Zerbi e Juric hanno trasformato una buona squadra in una competitiva. Ha bisogno di un allenatore come loro che valorizzi il materiale umano. Sarri potrebbe andare? Ero convinto che alla Juve fosse l’uomo giusto ma nella Juventus non ha dato il suo gioco. A volte bisogna anche saper vincere 1-0 con tanta concretezza e meno spettacolo…”

Maurizio Canino

Giornalista sportivo rodato tra radio e televisione. Crea Contro Calcio che in pochi anni, grazie al suo lavoro paziente, diventa un punto di riferimento per operatori di mercato, intermediari, direttori sportivi, giornalisti e soprattutto tifosi.

Articoli Correlati

Back to top button