In EvidenzaNews

Adesso è dura

Il commento di Stefano Borgi dopo un'altra sconfitta della Fiorentina

In teoria ci sono ancora quattro punti di margine, in pratica la Fiorentina è la prima candidata alla retrocessione. Insieme al Crotone, in attesa del Parma. Non è disfattismo, è realismo. Troppi gli errori, troppe le distrazioni, troppi gli episodi sfavorevoli. I gol subiti che vengono sempre da sinistra, il portiere che prende gol sul proprio palo, l’allenatore che lascia la squadra in 10 (perché Prandelli ha tolto Ribery? Perché dopo aver raggiunto il pari non ha tolto Kokorin? Che importa se l’aveva appena messo? Se non corre si toglie…), Igor migliore in campo che si fa male, idem Castrovilli, Ribery ammonito e squalificato per la prossima giornata, due partite perse in zona Cesarini, gli avversari che corrono, che lottano. E fanno punti. Unica eccezione, l’autorete di Spinazzola… siamo riusciti a sprecare anche quella. Ci possono salvare solo Benevento e Spezia, oltre che il Parma che affronteremo in casa domenica. Il Cagliari ha svoltato, l’Udinese pure, il Genoa non perde più, il Torino ha due partite da recuperare ed una (forse) la vincerà a tavolino. La Fiorentina, da sola, non ce la fa. Non ce la può fare. Non sbagliando così tanto, non rinunciando a giocare a calcio, non continuando a giocare in dieci tutte le partite. Non con questa indolenza, non con questa rassegnazione. Squadra avvisata…

Stefano Borgi

Nasce a Firenze il 19 agosto 1966. Nel 1985 consegue la maturità classica al liceo “Niccolò Machiavelli”, e successivamente frequenta la facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” a Firenze. Contemporaneamente studia musica classica e moderna, conseguendo privatamente il diploma del 5° anno di pianoforte. La vera passione, però, è lo sport. Segnatamente il tennis (negli anni ’80 fa parte dell’agonistica del T.C. Scandicci), ma soprattutto il calcio. Spinto dal tifo per la Fiorentina e da una memoria storica che lo porterà (nel 2006) a muovere i primi passi nel mondo giornalistico. La prima collaborazione, fino al 2017, è con l’emittente radiofonica Lady Radio. Al suo interno è inviato per il quotidiano “Metropoli”. Nel 2008 prende il tesserino di pubblicista e collabora (fino al 2014) col sito Firenzeviola.it. Dal 2008 al 2011 fa parte della redazione sportiva del “Corriere di Firenze” (poi ribattezzato “Nuovo Corriere di Firenze”) e scrive il libro “Sprofondo Viola” (edito da Violacea), con la prefazione di Cesare Prandelli. Nel 2009 entra nella “Commissione Storia” del Museo Fiorentina, lavorando a schede celebrative della storia viola pubblicate sul media ufficiale di ACF Fiorentina Violachannel.tv. Nel 2017 scrive per il mensile nazionale “Calcio 2000”, edito dal network Tuttomercatoweb. Negli anni ha collaborato anche con Italia 7, Toscana TV e Radio Blù. A novembre 2020 inizia l’avventura con “Controcalciosocialtv.it”.

Articoli Correlati

Back to top button